il Domani 2 giugno 2007

Il consigliere provinciale del Prc Pino Commodori analizza le condizioni strutturali degli istituti lametini

"A corto di aule, palestre e laboratori"

"La Provincia ha abdicato alla sua missione. Il problema più urgente sono i fitti"

LAMEZIA TERME – Interviene sulla condizione dell’edilizia scolastica a Lamezia, Pino Commodori consigliere provinciale di Rifondazione comunista. "Siamo sinceramente più che contenti, sprizziamo felicità da tutti i pori della pelle, per la consegna dei lavori per l’ampliamento dell’Istituto Professionale di Stato per l’Industria e l’Artigianato "L. da Vinci" di Lamezia Terme. Il tutto con la presenza di numerosi amministratori, Presidente e Vice Presidente in testa, del centro destra della provincia di Catanzaro.

Ricordo, sempre per tenere stretto il legame del motto "detto, fatto", che l’assunzione del mutuo risale all’anno 2003.

Una premessa – prosegue la mossa - è doverosa.

Negli ultimi dieci anni, la popolazione scolastica degli istituti superiori è rimasta pressoché identica nella città di Lamezia Terme negli ultimi cinque anni. Vi è stato però un decremento per alcuni istituti ed un incremento per altri a cui non è corrisposta una capacità di programmazione che evitasse situazioni quali quelle del Liceo Scientifico "G. Galilei" dislocato in quattro plessi.

Descriviamo di seguito la condizione attuale dell’edilizia scolastica degli istituti superiori della città di Lamezia Terme, sulla base dei dati snocciolati da Commodori.

Attualmente la popolazione scolastica presso gli istituti cittadini di Lamezia Terme, per lo più concentrati nella stessa area dell’ex comune di Nicastro, ammonta a circa 6.765 unità, così suddivisi:

Istituto Professionale di Stato per i servizi Commerciali e Turistici " L. Einaudi":

n. 1.156 alunni , locali di proprietà. L’istituto è senza auditorium, aule, laboratori e cucine.

Nello stesso edificio è allocato l’ alberghiero al quale mancano i laboratori, le cucine, la sala ed il bar. Per sopperire a queste carenze viene utilizzata una struttura privata: albergo "Panorama" distante dallo stesso Istituto.

Le vicende relative ai finanziamenti:

nel 2005, nel piano annuale delle opere pubbliche, viene previsto un finanziamenti di €. 1.500.000,00 con fondi di bilancio il cui mutuo con la Cassa Depositi e Prestiti non viene mai contratto. Nel 2006 viene previsto stesso importo di €. 1.500.000,00 ma con fondi FONDI REGIONALI, nella sostanza con nessun finanziamento in quanto non vi era alcuna certezza. Nel 2007 e nel 2008 si prevede lo stesso importo, sempre con fondi regionali, cioè niente, perché non c’è alcuna certezza. Si passa da 975 alunni dell’anno scolastico 97/98 a 1.156 del 2006/2007.

Istituto Tecnico Commerciale "De Fazio" :

n. alunni 982, locali di proprietà. Lavori di ampliamento terminati nel 2004 per un importo di €. 560.000,00. E’ completo di aule, mentre è senza palestra ed auditorium.

Si passa da 1.339 alunni dell’anno scolastico 97/98 a 982 del 2006/2007.

Istituto Magistrale Statale "T. Campanella":

n. alunni 1070, locali di proprietà. I lavori della palestra sono iniziati da poco. Il finanziamento pari ad €. 450.000,00, risale all’anno 2005. Necessita di ristrutturazione.

Si passa da 1.112 alunni dell’anno scolastico 97/98 a 1.070 del 2006/2007.

Istituto Professionale di Stato per l’Industria e l’Artigianato "L. da Vinci":

n. alunni 469, locali di proprietà. I lavori di ampliamento sono stati consegnati due giorni fa. L’importo è di € 633.000,00 e risale all’anno 2004

Si passa da 468 alunni dell’anno scolastico 97/98 a 469 del 2006/2007.

Liceo Scientifico Statale "G. Galilei":

n. alunni 1204, distribuiti in quattro plessi, di proprietà ed in fitto. La sede centrale è di proprietà e deve essere necessariamente ristrutturata.

Le vicende relative ai finanziamenti:

nel 2004, nel piano annuale delle opere pubbliche, viene previsto un finanziamento di €. 1.550.000,00. Nel 2005 viene previsto lo stesso importo così suddiviso: € 1.050.000,00 FONDI DI BILANCIO ED €. 500.000,00 CON FONDI REGIONALI. Il 21 aprile 2005 appare sui giornali locali una dichiarazione congiunta di un Assessore e di un Consigliere provinciale con la quale annunciano l’avvenuto finanziamento da parte della Regione Calabria.

Risultato, si indice la gara d’appalto ma con determina n. 1524 del 10.3.2006 si è costretti a revocarla perché la regione non aveva concesso il finanziamento.

Nel 2006 il finanziamento è sempre suddiviso in € 1.050.000,00 FONDI DI BILANCIO ED €. 500.000,00 CON FONDI REGIONALI. Nel 2007 IDEM.

Vi è da aggiungere che la palestra è da ristrutturare. Nella succursale dello scientifico sono ubicate le aule dell’I.T.I.S.

Si passa da 863 alunni dell’anno scolastico 97/98 a 1.204 del 2006/2007.

Istituto Tecnico Industriale Statale:

n. alunni 426 , i locali sono in fitto, mancano aule e palestra.

Le vicende relative ai finanziamenti:

nel 2002, nel piano annuale delle opere pubbliche, viene previsto un finanziamento di €. 3.870.000,00 con fondi di bilancio per la costruzione del nuovo Istituto. Nel 2004 diventano 3.800.000,00. Nel 2005 idem. Nel 2006 di €. 3.000.00,00, con il piano triennale 2005-2007. Sempre nel 2006, però questa volta con il piano triennale 2006-2008, gli € diventano 3.800.000,00 FONDI BILANCIO + €. 3.800.000,00 CAPITALI PRIVATI. Nel 2007, con il piano triennale 2006-2008, il finanziamento è di €. 3.800.000,00 con FONDI REGIONALI, nella sostanza è come se non ci fossero. Sempre nel 2007, ma questa volta nel piano triennale 2007-2009, si arriva alla cifra record di €. 7.600.000,00 FONDI REGIONALI (cioè nulla) + €. 7.600.000,00 CAPITALI PRIVATI.

Meglio della RAI "di tutto di più"

Si passa da 472 alunni dell’anno scolastico 97/98 a 426 del 2006/2007.

Istituto Tecnico Statale per Geometri:

n. alunni 631, locali di proprietà e di nuova costruzione. Lavori ultimati nel 2004, importo di €. 3.770.000,00.

Si passa da 582 alunni dell’anno scolastico 97/98 a 631 del 2006/2007.

Liceo Classico "F. Fiorentino":

n. alunni 700 , locali di proprietà, non vi sono state ristrutturazioni e non vi è la palestra. Esiste un contenzioso tra Provincia e Comune per le aule utilizzate dal comune per ospitare la scuola materna ed elementare "Francica";

Si passa da 598 alunni dell’anno scolastico 97/98 a 700 del 2006/2007.

IPSAA . Istituto Agrario:

n. alunni 127, locali di proprietà. Non vi sono state ristrutturazioni.

l’edificio di Sambiase e’ fatiscente, la succursale di Falerna pure da ristrutturare, d’estate viene utilizzata dai disabili.

Allo stato non è previsto alcun finanziamento.

Si passa da 87 alunni dell’anno scolastico 97/98 a 127 del 2006/2007.

Il totale degli alunni passa da 6.496 dell’anno scolastico 97/98 a 6.765 del 2006/2007.

Il problema più urgente è rappresentato dalle scuole attualmente allocate in fitto: il liceo scientifico e l’Industriale i cui alunni sono distribuiti tra le succursali in fitto.

La tendenza al concentramento delle scuole e degli indirizzi crea inevitabilmente non pochi problemi sul territorio:

aumento vertiginoso dei costi dei fitti o dei terreni in quelle aree;

aumento dei trasporti;

aumento del traffico urbano e relativo ingolfamento;

abbandono di aree cittadine definite "dormitori".

In conclusione, considerata la scuola come uno dei fattori dello sviluppo, o meglio che può concorrere allo sviluppo, non c’è stato in questi anni uno studio delle linee di tendenza degli istituti superiori, in qualche modo collegato con uno sviluppo economico alternativo a quello attuale. La Provincia di Catanzaro ha abdicato, purtroppo, rispetto alla sua "missione" dettata dal decreto 233/1998 sul dimensionamento e sull’istituzione di nuovi istituti ed indirizzi, che permette alla provincia di rimodulare l’offerta di scuole specialistiche e di indirizzo sul territorio".